Banner _menu

La Cucina Romana

I primi

Sono quelli della tradizione capitolina; quelli che credevamo dimenticati ma che, riassaporandoli, riaffiorano nitidi nel palato e non solo: Bucatini all’amatriciana, Rigatoni con pajata, Rigatoni con coda alla vaccinara, Carbonara…

La tradizione è sempre in prima linea, compresa quella scandita dai giorni della settimana. Eccovi un assaggio: giovedì Gnocchi.

I primi

Sono quelli della tradizione capitolina; quelli che credevamo dimenticati ma che, riassaporandoli, riaffiorano nitidi nel palato e non solo: Bucatini all’amatriciana, Rigatoni con pajata, Rigatoni con coda alla vaccinara, Carbonara…

La tradizione è sempre in prima linea, compresa quella scandita dai giorni della settimana. Eccovi un assaggio: giovedì Gnocchi.

I Secondi

Abbacchio al forno con patate, Coratella d’abbacchio con carciofi, Coda alla vaccinara, Abbacchio alla cacciatora, Saltimbocca… Ricette tanto conosciute quanto difficili da realizzare a regola d’arte: tutti amiamo mangiare romano. Pochi sanno “cucinare” Roma.

Anche qui la settimana ha le sue regole: martedì e venerdì Baccalà, sabato Trippa.

Dolci

Sì alla dolcezza, sì al cioccolato, sì alla pasticceria “classica”. Anche qui, naturalmente, con un attento sguardo alle idee nate e “cresciute” nei quartieri di Roma.

Dolci

Sì alla dolcezza, sì al cioccolato, sì alla pasticceria “classica”. Anche qui, naturalmente, con un attento sguardo alle idee nate e “cresciute” nei quartieri di Roma.